Salta al contenuto

Come affrontare il giudizio degli altri e di noi stessi

Parliamo di paura del giudizio. Come possiamo affrontare i giudizi degli altri e di noi stessi? Dovresti guardarti con gli occhi delle altre persone, quelle non giudicanti e che ti apprezzano, che non è la massa, non è il senso comune. Se sei una persona interessante, difficilmente sarai acclamato dal senso comune e questo è normale, il senso comune e ciò che di più piatto, relativo, culturale possa esistere, non vale granchè in fondo.

Ognuno ha la propria tribù, cioè persone che si accendono a stare con te, Persone che ti apprezzano per come sei, ma attento, non sto parlando di chi semplicemente ti accetta, ma di persone che letteralmente vengono ispirate da te, da come sei nella tua componente più naturale. Quella è la tua tribù. Devi cercarla! E quando l’avrai trovata potrai guardarti con quegli occhi e ti stupirai di cosa riuscirai a vedere, vedrai tutto diversamente.

Però non devi neanche dire, “quindi io sono così, non devo fare niente per cambiare, per migliorare“, questo è profondamente sbagliato, ci sono delle parti di te che possono dare qualcosa, possono letteralmente accendere gli altri e te stesso, altre parti invece ti spengono, quindi è importante essere in grado di capire ciò che di buono c’è in te e ciò che può essere invece migliorato.

Dovremmo sempre cercare di migliorare noi stessi, per rimanere aperti, per capire le cose fuori e dentro di noi, guardarle da altre prospettive, questo è fondamentale.

Se tu fai questo, riuscendo così a rompere il muro del giudizio, trovare le tue persone, la tua tribù e guardandoti con i loro occhi e non con i tuoi che sono deformati da tutto questo giudizio, allora potrai fiorire.

La prima sessione è gratuita